martedì 21 agosto 2018

Il popolo unito non sarà mai sconfitto


« Il popolo sconfitto, non è mai stato unito
Il popolo unito non sarà mai sconfitto »

Sono due strofe della canzone Estampida degli Ska-p che descrive benissimo il modo secondo il quale il popolo viene costantemente sconfitto, ricordando come può riprendere in mano il potere.
Qual è il potere in mano ai governanti i quali, di qualsiasi ideologia siano, utilizzano per ottenere e mantenere il potere? La DIVISIONE. La divisione del popolo.

I governanti hanno il solo scopo di dividere il popolo, perché il popolo, tutto il popolo, completamente unito, è pericoloso, e la storia lo ha dimostrato.
Ponendo i cittadini gli uni contro gli altri, il governante crea le varie fazioni nelle quali il popolo ci si immedesima a tal punto da muoversi, come un burattino, così come ordina il governante o il gruppo di governanti al potere.

È così che nascono le (inutili) lotte tra:
  • famiglie con figli e famiglie senza figli
  • eterosessuali e omosessuali
  • cittadini nativi della nazione, e stranieri
  • padroni e dipendenti
  • giovani e vecchi
  • disoccupati e precari
  • lavoratori privati e lavoratori pubblici
  • laureati e non laureati...

Ciò che ogni individuo dimentica, è che qualsiasi persona, sia nativa di una nazione, abbia figli o no, sia laureato o meno, sia omosessuale o eterosessuale, desidera, come scopo primario, almeno il necessario per vivere dignitosamente.
Se un genitore vuole un lavoro per sfamare sè stesso e i propri figli, così una persona sola vuole un lavoro per sfamare sè stesso. Non c’è alcuna differenza.

Qualche anno fa un datore di lavoro di un’azienda italiana non pagò le tasse della propria attività per pagare gli stipendi ai propri dipendenti. Inutile dire che, per legge, la priorità di un’azienda è pagare le tasse, ma quell’ uomo mise i propri dipendenti davanti alle tasse.
È questo un esempio del popolo unito che va al di là delle differenze esteriori.

Il popolo spezzettato, frammentato, suddiviso in decine e decine di fazioni è più debole, è meno coordinato, agisce in maniera disorganizzata, e i governanti sono contenti perché, in questo modo, manterranno il potere.

Ogni individuo ha il diritto alla vita, alla libertà, alla giustizia sociale, ad avere un luogo dove vivere e cibarsi, a vivere in maniera dignitosa e tranquilla.

Se vogliamo imparare, osserviamo le formiche: non sono divise secondo grandezza, ma cooperano tutte assieme per un unico obiettivo comune.Tutte unite, riusciranno a costruire il loro formicaio, perché la loro forza è l’ unione, non la divisione.

1 commento:

  1. Infatti Daniel, ricordati il detto latino:"Divide et Impera". Sfruttare le faziosità, fa sempre comodo al politico che cerca i cosidetti consensi ignoranti.

    RispondiElimina