Passa ai contenuti principali

Post

In primo piano

Meditare sul proprio corpo: ringraziamolo ogni giorno

Troppo spesso ci dimentichiamo di ringraziare il nostro corpo pensando che ogni sua parte sarà sempre eterna e funzionante.
Ogni giorno dovremmo dire grazie ad ogni parte del nostro corpo: ci sostiene, ci aiuta nelle nostre imprese quotidiane, ci ha condotto dove siamo oggi, non si è mai lamentato, ci ha sorretto nei momenti difficili e spesso l' abbiamo anche maltrattato.
Se oggi siamo qui, è grazie al nostro corpo che ha svolto il suo lavoro in modo impeccabile. Apprezziamo ogni parte del corpo così com'è oggi, e ringraziamolo per come ha lavorato ieri, come sta lavorando oggi e come lavorerà domani

A pag. 126 del mio libro "La felicità è nelle tue mani", affronto la meditazione sui Quattro Fondamenti della Consapevolezza ovvero il Satipatthana Sutta contenuto nel Digha Nikaya 22 del Canone Pali Buddhista Theravada. A pagina 131 entro nello specifico con l' argomento "Impermanenza del corpo". Di seguito, una parte del mio libro con un' aggiun…

Ultimi post

Non siamo tutti uguali: a ognuno il suo metodo di guarigione

Liberamente schiavi

La nuova legge sul libro che taglia le gambe agli scrittori emergenti. Il mio messaggio a tutti i lettori

Accetta la morte, e sarai felice

#iorestoacasa ... non necessariamente per fare qualcosa

Quando da bambino ti insegnano ad ubbidire anziché a ribellarti

Una dedica speciale

Non fare finta di niente. La metafora della montagna di pietre

Non aspettare Natale: sconto 20% dei libri di Lapenna Daniele. Leggi gratuitamente i primi capitoli

Tutto cambia, tutto si trasforma. Anche internet (ma in peggio)

Ogni giorno è un nuovo giorno